lunedì 12 novembre 2012

CLODIENSE AMMAZZA CAPOLISTE
L'EX LELLA SI PRENDE LA SUA RIVINCITA E SEGNA IL GOL PARTITA.

Clodiense-Pordenone 1-0
GOL: st 37′ Lella.
CLODIENSE: Ziliotto, Busatto, Niero, Ballarin, Boscolo Berto, Boscolo Gioachino (st 27′ Schiavon), Porcino (st 12′ Pradolin), Malagò, Lella (st 42′ Ponce), Margherita, Dell’Andrea. A disp.: Boscolo Luca, Dal Corso, Bellemo, Gavagnin. All. Vittadello.
PORDENONE: Truant, Sartori, Sambo (st 44′ Bounafaa), Bianchi, Zamuner, Ursella, Lavagnoli, Lestani, Zubin, Buttignaschi (pt 41′ Iuri), Lucchini (st 14′ Sessolo). A disp.: Benedetti, Cuberli, Cauz, Migliorini. All. Soncin.
ARBITRO: Pirone di Ercolano. Assistenti Garganigo di Como e Zappella di Bergamo.
NOTE: espulsi al pt 25′ Bianchi e al st 48′ Busatto, entrambi per doppia ammonizione. Ammoniti Sambo, Ballarin e Niero. Angoli 12-4. Recupero: pt 1′, st 4′. 250 spettatori circa.

PRIMA FRAZIONE
La Clodiense priva dello squalificato Barzan lo sostituisce con Boscolo Berto in porta c 'è il giovane Ziliotto buona la sua prova oggi manca Pradolin che parte dalla panchina in attacco a pungere c 'è il duo Dell'Andrea Lella,prima dell'inizio della gara viene osservato un minuto di raccoglimento per la scomparsa improvvisa del collaboratore  Nevio Sanavia che era sempre alla cassa da molti anni.
Pordenone privo degli squalificati Zlogar, Nichele e Nastri. Infortunati Zilli e Segato. Rientrano Lavagnoli e Zamuner. In difesa spazio dal 1’ a Sartori, in attacco a Lucchini. Sul “Ballarin” soffia un vento di Scirocco che condiziona le traiettorie.
9′ pericoloso cross dalla destra di Malagò: non la devia nessuno, palla sul fondo
12′ traversone dalla sinistra di Sambo, la difesa locale anticipa Zubin
16′ tiro mancino di Buttignaschi, sfera sul fondo
18′ destro potente dalla distanza di Boscolo Berto: tentativo di poco sopra la traversa
25′ Pordenone in dieci. Bianchi, già ammonito per proteste, finisce a terra assieme a Dell’Andrea sugli sviluppi di una ripartenza della Clodiense. Il direttore di gara, molto fiscale nell’occasione, estrae il secondo giallo per il difensore
34′ destro alto di Ballarin
36′ reazione del Pordenone! Zubin tocca per Lestani, abile nell’inserimento: destro secco del numero 8 dal limite, Ziliotto si oppone di piede
45′ sinistro a lato di Malagò
46′ squadre al riposo sullo 0-0. Pordenone in dieci per l’espulsione del difensore Bianchi (decisione fiscale). Per i neroverdi grande occasione di Lestani.
SECONDA FRAZIONE
8′ gol annullato a Niero (tiro a giro dalla sinistra) per il fuorigioco, ritenuto attivo, di Lella
10′ angolo da sinistra di Lavagnoli, Zubin dal secondo palo non trova la deviazione vincente
15′ azione personale di Lavagnoli, che duetta con Zubin e calcia alto con il sinistro
16′ punizione a lato dell’ex Margherita
21′ gran parata a terra di Truant sulla girata ravvicinata Boscolo Gioachino, imbeccato dalla fascia sinistra
26′ Niero, già ammonito, stende da dietro Lestani a centrocampo. L’arbitro concede il vantaggio, ma poi non ammonisce per la seconda volta il difensore. Errore molto grave
27′ Dell’Andrea manca la deviazione da buona posizione
30′ lancio con il contagiri di Sartori, Sessolo calcia al volo con il mancino: prodigioso Ziliotto a mandare in corner
32′ malinteso Truant-Sartori: la palla buona capita a Lella che calcia potente, ma il portiere dei “ramarri” respinge
36′ ripartenza del Pordenone. Lavagnoli innesca Zubin che serve in mezzo l’accorrente Sessolo: destro fuori di un soffio
37′ vantaggio della Clodiense. Cross dalla sinistra di Pradolin e colpo di testa dal secondo palo dell’ex Lella. Clodiense-Pordenone 1-0
46′ palo di Ponce sugli sviluppi di un angolo
48′ seconda ammonizione per Busatto, anche i locali restano in dieci uomini
49′ triplice fischio al “Ballarin”. Vince la Clodiense 1-0 con gol dell’ex Lella. Pordenone in inferiorità numerica per tre quarti di gara. Domenica prossima i neroverdi ospiteranno al “Bottecchia” l’Este.
INTERVISTE SALA STAMPA
BOSCOLO BIELO....  "E stata una vittoria meritata avvantaggiata anche dalla loro espulsione anche se ci hanno annulato un gol che era regolarissimo e colpito un palo con Ponce loro erano primi in classifica è questa prestazione ci deve rendere ancora più forti anche se in questo campionato non esiste la squadra che la fa da padrone bene anche il pubblico che segue la squadra sempre di più in maniera appassionata.
TOMMASO LELLA...."L'intesa con Dell'Andrea sta crescendo sempre di più anche se lui deve essere lasciato tranquillo per maturare partita dopo partita,nell'intervallo il Mister ci ha detto di mettere più grinta e aggresività è i risultati si sono visti,mi dispiace che nell'occasione prima del gol in area non sia stato capace di servire i più smarcati Malagò e Pradolin che erano tutti e due soli in mezzo all'area,però siamo contenti della vittoria.
ALBERTO BALLARIN...."0ggi era importante fare punti siamo riusciti a farlo perchè la nostra volontà e voglia di vincere è stata maggiore,il duello con Zubin è stato bello perchè lui è un signor giocatore e riesce sempre a fare reparto da solo,la nostra vittoria è meritata anche perchè il gol di Niero che ci è stato annulato era regolarissimo.
ZUBIN.....lo si è visto in campo spensierato e dialogare anche con il pubblico un grande giocatore con una stazza fisica impressionante,"E stata una gara equilibrata è non è apparso in campo che i nostri avversari avvessero un uomo in più abbiamo stretto i denti e ci siamo sacrificati tutti  il pareggio sarebbe stato più giusto.
ALLENATORE SONCIN......"Rimprovera i suoi per le continue espulsioni che subiscono domenicalmente e anche per aver subito il gol dopo averselo mangiato incredibilmente prima,i miei mancano in campo di personalità con l'arbitro dovevano aumentare le proteste su certe decisioni discutibili ho schierato una formazione aggressiva all'inizio ma la Clodiense è stata molto brava nelle ripartenze è una buona squadra è noi la soffriamo molto vista anche l'eliminazione in coppa italia i granata hanno anche dei buoni giocatori ex Venezia che io conosco bene nel finale ci siamo affidati ai lanci lunghi per Zubin ma non siamo riusciti a pareggiare ma credo che la vittoria dei lagunari sia meritata.
COMMENTO DRUGO DAN
Ottima prestazione dei granata che hanno evidenziato una buona tenuta atletica visto che corrono per tutti i 90' protagonista della partita è stato l'ex Tommaso Lella autore non solo di un splendido gol ma anche di una grande prestazione molto pericoloso sotto rete peccato che non abbia la giusta collaborazione di Dell'Andrea che a parte qualche giocata sembra non trovare la retta via,ottimo il reparto difensivo dove il giovane Ziliotto ha fatto 2 parate strepitose è sicuro nelle uscite bloccando spesso la sfera ottima notizia in considerazione che essendo giovane da a Vittadello la possibilità di poter schierare un uomo più esperto ,Ballarin e Niero hanno tenuto a bada per quasi tutta la partita lo spauracchio Zubin dimostrando grande solidità del reparto difensivo peccato l'ammonizione del capitano che gli costerà la squalifica la difesa sarà priva anche di Niero e Busatto quindi la situazione domenica e di grave emergenza difensiva,Malagò e Busatto un po' sotto il loro standard di gioco possono fare meglio è sicuramente lo faranno.
Pubblico pochino per una partita con la capolista il tempo ha tenuto è quindi non c 'è neanche questa scusante nel 1tempo erano presenti al Ballarin 150 tifosi nel 2 tempo 250 questo ci dice che molti entrano nel 2 tempo segno che la crisi economica si fa sentire molto soprattuto nel nostro territorio lagunare però un pubblico sempre più coinvolto è appassionato che alla fine ha intonato anche l'AVE e si è fatto sentire incitando con i soliti modi carrateristici chioggiotti i giocatori che hanno apprezzato e sono stati aiutati nella vittoria.




Classifica Marcatori

11 BELLERI(REAL VICENZA),9ZUBIN (PORDENONE),7ROSTELLATO(GIORGIONE) GHERARDI(DELTA) TRINCHIERI(TRISSINO VALDAGNO) MENSAH(VITUS VECOMP) 6 BUSSI (SANDONAJ) BECCARO(REAL VICENZA) BROTTO(ESTE) CORBANESE (BELLUNO) SCARPINI (SAMBONIFACESE) 5 LELLA (CLODIENSE)

DRUGO DAN

 

37 commenti:

  1. Daniele il tuo entusiasmo è contagioso, vedi e senti cose che non umani non riusciamo nemmeno ad immaginare neanche con la più fervida fantasia. In un un piccolissimo bagliore riesci ad intravedere per luce immensa e segnali divini di un nuovo amore che sta per nascere nel tuo cuore.

    RispondiElimina
  2. enfasi, estasi: extasi?

    RispondiElimina
  3. Per Domenica aspettiamo con ansia la corriera....qualcuno per la crisi entrerà nel secondo tempo,l'altra volta e'finita a Portoviro,stavolta da quanto letto la mandi a Sacile(Ballarin salta la trasferta di Sacile)..dati una guardata al calendario, giochiamo a Legnago!

    RispondiElimina
  4. Ma cosa vuoi dirmi che se entri nel sec tempo non si paga?allora sito Pordenone dice 300 persone....la Nuova Venezia 150 persone... Tu invece 150 al primo tempo e 250 nel secondo tempo?forse le 100 persone che sono entrate nel sec tempo non hanno ancora portato l'orologio indietro di 1 ora?

    RispondiElimina
  5. non mi viene neanche la voglia di andare a vedere la partita contro la prima in classifica con una dirigenza del genere ............tenetevi il vostro giocattolino, imponete il silenzio stampa GRANDI DIRIGENTI, e addirittura compiacetivi di quei 4 gatti che vi seguono solo in casa EXUUCS..........p.s. ma non vi sembra ridicolo che l'Adolfo radio piazza suggerisca le risposte al Bielo durante le interviste e a volte risponde lui alle domande dei giornalisti, mah

    RispondiElimina
  6. Per quanto riguarda il silenzio stampa è misterioso perchè non si capisce il motivo e neanche capiamo il motivo perchè i giornalisti in sala stampa non domandano il perchè? Per quanto riguarda "UN NUOVO AMORE CHE STA PER NASCERE" non mi sembra di averlo detto e neanche fatto intravedere nel commento ma intendevo sottolineare il poco pubblico presente per una partita con la capolista e ho visto con i miei occhi nel 2 tempo entrare molti tifosi che nel 1 tempo non c' erano non penso paghino un biglietto completo questo è un segnale di grave crisi economica perchè se si risparmia anche per vedere una partita di pallone siamo messi male e la dirigenza deve intravedere questi segnali è un peccato però avere una squadra cosi' forte non sostenuta dalla città è mi dispiace sopratuto per i calciatori chioggiotti purosangue che giocano nella Clodiense in primis capitan Ballarin.
    DRUGO DAN

    RispondiElimina
  7. avete visto che anche no chiamando ci UNIONCS, biamo vinto instesso?
    e se a voialtri cuesto no vi fa piacere, noi no sapiamo che faccene.
    chi ci piace il calcio no si interesa del colore, ma si gusta la partita e sofre cxuando che la squadra va meno beme dele altre volte.
    comunque, state queti, ariviamo primi o secondi.
    grande ivano. avanti tuti a muso duro e bereta fraca'.
    auguri a tuti.

    RispondiElimina
  8. Grande Sottomarina lido, vestito da "Lattebusche Clodiense".
    Sei come l' Araba Fenice"; risorgi sempre, dalle tue stesse ceneri.
    Pubblico: Pochi ma Boni.
    (Busco Pan)

    RispondiElimina
  9. Complimenti alla CLODIENSE intesa come prima squadra per l'ottimo campionato che state disputando. Qualche riflessione/autocritica dovrebbe essere invece fatta dalla CLODIENSE intesa come dirigenza, mi rivolgo al Presidente Bielo: ma come è possibile non avere ancora trovato una soluzione ragionevole alle istante della tifoseria. Presidente non avere risolto questo punto sembra un qualcosa che non sta ne in cielo e ne in terra, basterebbe cosi poco. Non è possibile che avere 150/200 spettatori contro la prima in classifica. Sembra perfino impossibile che tra i tuoi collaboratori non ci sia un dirigente competente che ti stia aiutando a comprendere razionalmente le complesse dinamiche che regolano il mondo del calcio, uno con le qualità e le competenze di ANDREA SENO?

    RispondiElimina
  10. Ivano,
    prendi Luciano Moggi: e' disoccupato e qualcosa di calcio ne dovrebbe capire.

    RispondiElimina
  11. la battuta è veramente simpatica e in linea con lo spirito del blog che ci sta ospitando, ma certamente convieni con me che Ivano con ANDREA SENO aveva già in casa la persona che poteva con la sua indiscutibile competenza ed esperienza mediare e risolvere i nodi che stanno venendo solo ora clamorosamente al pettine. Ma come si può lasciare partire una persona che con una decisione illuminata del Presidente aveva nominato per capire in quali settori si poteva migliorare dopo il primo anno di lavoro. Certamente Seno aveva compreso i punti deboli della Clodiense e certamente e qui non ci vuole uno scienziato nucleare per capire che avrà suggerito al Presidente come è in quale modo intervenire per migliorare la struttura. Risultato finale...via Seno.
    La nostra realtà non ha bisogno di Moggi ( o persone con caratteristiche simili ), ma di persone serie,competenti e principalmente ragionevoli. Ciao

    RispondiElimina
  12. Ritengo che l'aver perso Andrea Seno sia stata una scelta scellerata perchè dalla sua professionalità in anni e anni di professionismo si poteva giovare molto la Clodiense molti dicono che se ne sarebbe andato perchè lui pretendeva un investimento economico maggiore nella squadra per ambire alla Lega Pro quest'anno è negatogli dalla società ma io ritengo che sotto sotto ci siano altri motivi in primis il ricreare un unione con i tifosi cambiando nome e cambiando alcune persone dentro la società questo è il mio pensiero "PENSAR MALE ALCUNE VOLTE CI SI AZZECCA"

    RispondiElimina
  13. DRUGO DAN condivido gran parte del tuo intervento, ma c'è un punto che io non condivido dove sostieni che: molti dicono che se ne sarebbe andato perchè lui pretendeva un investimento economico maggiore nella squadra per ambire alla Lega Pro. Sostenere questo è fare un torto a Seno, lui non ha mai detto e imposto questa condizione. Chi sostiene questo lo fa per giustificare pubblicamente in città la sua di permanenza a scapito di Andrea che certamente non aveva posto delle condizioni economiche, ma condizioni di operatività sportiva e di competenza dirigenziale e certamente aveva suggerito al Presidente come risolvere il nodo del tifo.

    RispondiElimina
  14. Vogliamo di nuovo il Sottomarina Lido,Ivano chi se ne frega di tutti quelli che parlano senza mettere un euro.Evviva la succa del Bielo.

    RispondiElimina
  15. How is it possible the presence of 250 people, if I I counted only 50 (almost all away fans). I was drunk? I do not think!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 你生气一门外语的这些意见,请写在意大利,政府一般收入帐目...

      Elimina
  16. Ma dai, ragazzi, siate seri. Qui si parla di questioni vitali, mica di patatine.
    Ma che dalmine.

    RispondiElimina
  17. ONORE E GLORIA A GIOCATORI E MISTER.
    LORO SI BATTONO COMUNQUE E SEMPRE PER LA CITTA' INTERA.
    NON SONO DISTINTI TRA QUESTA E L' ALTRA FAZIONE.

    E GRAZIE COMUNQUE IVANO. SENZA DI LUI NON ESISTEREBBE PIU' CALCIO DI LIVELLO IN CITTA'.

    E LO CONTESTATE,PER IL NOME DI UN FANTASMA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stiamo portando il nome di Latte Busche Clodiense in tutto il triveneto,ma che volete di +?

      Elimina
  18. ONORE E GLORIA A GIOCATORI E MISTER.
    LORO SI BATTONO COMUNQUE E SEMPRE PER LA CITTA' INTERA.
    NON SONO DISTINTI TRA QUESTA E L' ALTRA FAZIONE.

    E GRAZIE COMUNQUE IVANO. SENZA DI LUI NON ESISTEREBBE PIU' CALCIO DI LIVELLO IN CITTA'.

    E LO CONTESTATE,PER IL NOME DI UN FANTASMA.

    ..................................

    Questo intervento merita di essere analizzato punto per punto:
    1) condivisibile i complimenti al mister e ai giocatori;
    2) i giocatori scendono in campo cercando di dare il massimo, ma quando vedono che non c'è nessuno tra gli spalti il loro pensiero va certamente a questa elementare considerazione.... ma per chi stiamo giocando ?;
    3) da condividere pienamente il ringraziamento ad Ivano per il suo impegno in un momento economicamente cosi difficile;
    4) cosa sarebbe il calcio senza Ivano, c'è un proverbio che esprime al meglio il pensiero popolare: morto un papa se ne fa un'altro. In sintesi il calcio continuerebbe ad esistere, magari non continuerebbero ad esistere alcune figure che vivono della luce riflessa di Ivano;
    5) Nessuno contesta Ivano (anzi gli si riconosce la legittimità del suo progetto) semplicemente lo si critica ( visto che nessuno ha il coraggio di farlo dal proprio interno ) sul punto nodale del ritorno al nome storico.

    RispondiElimina
  19. punto nodale del ritorno al nome storico :
    PER NON FARE UN TORTO A NESSUNO: CHIAMARE DETTA SQUADRA "SANTO SPIRITO"... OPPURE "SAN FELICE E SAN FORTUNATO"
    BELLI, NO?

    PROVOCATION,GIUSTO PER RIMANDARE LE PRETESE DI APPELLARE UNA SQUADRA ESISTENTE PER PROPRI MERITI(ANCHE ACQUISITI... MA CON PROPRI "SCHEI"), CON IL NOME DI UNA SQUADRA SCOMPARSA PER DEMERITI DI TERZI.
    I RIMPIANTI DELLA BENEAMATA, NON COSTITUISCONO DIRITTI, CARO IL MIO LEI, QUANDO C' ERA LUI, SI STAVA... (MEGLIO O PEGGIO????).
    AUGURI DI BUON PALLONE, E CHE IL BALòN SIA SEMPRE CON VOI. ANDATE IN PACE.

    RispondiElimina
  20. MA QUA ME PARE DE AVERE CAPIO CHE NESSUNO A NIENTE CONTRO LA CLODIENSE E TANTOMENO CONTRO L'IVANO( QUALCOSA DA DIRE GHE SARAVE SU QUALCHEDUN CHE GHE STA VICIN), MA CERCHEMO DE CAPIRSE BUTTARE VIA I SCHEI SENZA AVERE SODDISFASION A MI NON A ME PARE UN GROSSO MERITO. LA QUESTION SE SEMPLICE LA CLODIENSE LA SE UNA ROBA SOLO SOA, I GHE METTE I SOI SCHEI E I FA' QUELO CHE I VOLE. LA GENTE DE CIOSA E MARINA E I TIFOSI HA CAPIO E ANCHE LORO I FA QUELO CHE I VOLE E ALLA DOMENEGA I VA CON LA MUGERE O A TORSIOLON CON I AMICI. E SE L'IVANO A GHE MOLE ( A FARAVE ANCA BEN ) ME DESPIASE, MA COME CHE I DISE A CIOSA E COME CHE ME PARE DE AVERE LETTO QUA DA QUALCHE PARTE: MORTO UN PAPA SE NE FA UN'ALTRO. ADESSO DO GOTTI DE VIN E UN ASSAGIN CHE XE MEGIO DE TUTTE STE PAROLE

    RispondiElimina
  21. Finche'non intervisti uno del comune non siamo contenti....con Girotto trovi tutto su sport e bilancio(schei per farse capire).....mi è' venuto all'orecchio di spese 4 mila euro per porta nuova e telecamera prima di entrare in comune.....poveri cittadini!!informato prima di dire cazzate caro Andrea,i soldi ci sono per stronzate.

    RispondiElimina
  22. SU ANCORA QUELO DE PRIMA, ME SCUSO TANTO SE HO SBAGLIAO QUALCHE PAROLA, MA NOIALTRI A CIOSA E MARINA SEMO GENTE SEMPLICE E NE PIASE STARE IN COMPAGNIA ALLEGRI. MA ATTENSION CHE NO SEMO PROPRIO MONA MONA COME CHE QUALCHEDUN CREDE E COME CHE I NE VOLE FARE PASSARE. LE ROBE LE VEMO CAPIE ANCA MASSA BEN. ADESSO PROPRIO VAGO

    RispondiElimina
  23. La cosa che noto è che in molti avevano detto il calcio e il tifo a Chioggia sono morti definitivamente invece non è cosi perchè nel DNA del CIOSOTO E DEL MARINANTE esiste da sempre il gioco d'azzardo è il calcio locale magari molti non vengono più allo stadio però l'interesse che esiste nel nostro blog con i commenti e nel web (muro ultras e facebook 9 è sempre elevato però le presenze che mancano sono circa 200 persone ,io vedo che società professionistiche come Venezia,Portogruaro,Citadella,Bassano,per stare quà vicino a noi la media delle presenze medie di 600 persone con picchi di 1000 e ribassi di 300 non vedo numeri incredibili in giro quindi bisogna fare anche un'analisi diversa del poco tifo a Chioggia ultima stagione del ChioggiaSottomarina media spettatori 500 con ribassi di 300 e picchi di 700 quindi stiamo parlando di un calo di 200 persone che sono sempre molte e si fanno vedere e sentire specialmente gli ultras in una categoria come la serie d su questo non voglio sminuire la questione quindi quello che voglio dire è che il calo del tifo a Chioggia dipende solo dal nome? o dipende da qualche altro fattore? a voi le considerazioni poi dico la mia
    DRUGO DAN

    RispondiElimina
  24. DRUGO DAN dopo 100 e più interventi in questo e in altri blog non hai ancora capito. Cosa ancora c'è da capire? Non è che devi sminuire la questione, l'argomento è già stato discusso in tutte le salse, quindi vai a vedere tranquillamente la tua squadra del cuore: CLODIENSE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma la tanto proclamata corriera non si fa?Peccato,persa occasione di creare un gruppo fan dell Latte Busche.basta interviste a Vitadello??

      Elimina
  25. Da tifoso Unionista, vedrei benissimo Vitadello come allenatore dell F.B.C. Union C.S., penso che sarebbe contento anche lui. Peccato sia un buon allenatore che allena la squadra di nessuno e se per voi "nessuno" è qualcosa allora la "nuova realtà" non è nemmeno quello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido in pieno la tua considerazione ma per il bene di Mister Vitadello e della squadra lasciamoli fuori dai discorsi che liberamente facciamo in questo o altri blog. Molto significativo per capire il clima che attualmente si respira all'interno della società è il silenzio volontario o/e imposto o/e consigliato del Mister da un paio di settimane o forse più.

      Elimina
  26. ehi del "MI..."... ? Milan
    ehi dell "I..."... ? INTER
    Da una porta all' altra porta lei disse si,
    ma come fate a non ricordare ,
    eravamo in 100.000, allo stadio quel diiiii

    Pensate: quando c' era l' Union Clodia Sottomarina
    c' erano 100.000 persone a guardare la squadra di teofilo Sanson , Franco Dal Cin, ed allenavano i nostri eroi allevatori come Rosa, Cancian,
    Che belli i derby con l' Adriese, che giocatori si vedevano, che rimonte faceva quello squadrone quando qualche malcapitata squadra andava in vantaggio e i nostri eroi, indispettendosi reagivano.... non ce n' erano per nessuno.
    Che bello quel calcio. Che banale quello di adesso.
    Come si possono paragonare giocatorini di adesso ai vari, Casagrande, Stella, Basili, Lomonte, Pin, Bonaretti, Scaini... i primi della memoria, ma ce n' erano di piu' forti ancora.
    Allo stadio mitico Ballarin di quei gloriosi tempi, certamente non c' erano 100.000 tifosi, ma 99.999 si.
    Dai , si fa per dire, giusto per descrivere lo stadio stracolmo.
    Scusate.
    Un nostalgico di quel calcio... anni 70-75.
    Dopo l' inizio del declino,
    La rinascita con il mitico Presidentissimo, tifosissimo Franco dal Cin, un altra discesa all' inferno ed una risalita con Bepi Pagan Granso Stanco ... fino alla scomparsa dell' Chioggia Sottomarina.
    E se adesso si vede ancora un certo calcio, chiamato di livello.... beh, permettetemi di chiamarlo di livello moderno, ma non all' altezza del calcio esistito sino a metà anni 8o/fine anni 90....sino all' avvento dei procuratori, che salvaguardano gli interessi dei liberi professionisti, degli stranieri etc...
    Questo e' calcio falso ed effimero, legato ad interessi, sia da chi detiene Società di Calcio, sia da giocatori che non giocano certo per la maglia...
    Mah.... meglio che mi fermi.... correrei il rischio di essere noioso.... anzi credo di esserlo davvero.
    Stop.
    La vedo cosi'.
    Ciao a tutti, belli e brutti, felici e scontenti.
    Ma credo che questa Clodiense, bene o male, dovremmo tenercela stretta tutti.
    Chiamarla UNION CS, non ha senso... non sarebbe mai all' altezza dell' Union CS.
    L' Union CS, non esiste piu'. E' solo un bellissimo ricordo. Fantastico. Non sporchiamolo con assurdi accostamenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bello l'intervento e credimi non lo sto dicendo in senso ironico, lo trovo anche molto originale e ben fatto. Condivido con te che CLODIENSE sia una risorsa per la città, ma purtroppo come è già stato detto infinite volte ( anche dallo stesso Presidente Ivano e dal Direttore Generale Mauro Gallo ) questo progetto non ha un seguito nel pubblico, nei tifosi e negli esponenti dell'economia locale. Negli interventi precedenti sono stati riportati gli esempi di come stanno operando in tutte le situazioni similari, cioè con il recupero come base di partenza fondamentale del nome storico. Qui Ivano e Mauro hanno scelto legittimamente di percorrere un'altra strada con un progetto completamente nuovo, che purtroppo ha il limite piccolo o grande a seconda dei punti di vista di non essere condiviso dalla stragrande maggioranza dei tifosi. Vogliono continuare cosi, liberissimi di farlo, ma tieni presente che in tutti i media locali e nazionali stanno portando gli esempi di un nuovo calcio che ha una base popolare e non personalistica ( ci basta già la politica in questo senso ). Concordo parzialmente sulla tua considerazione che l'UNION CS non esiste più ( magari è una tua speranza o forse una tua ossessione ), evidentemente non segui con attenzione i social network e qui è più viva che mai.

      Elimina
  27. Verona 84/85, Sampdoria 90/91, Lazio 99/2000, Bologna 63/64, Genoa 23/24. Non mi sembra che queste squadre successivamente ai trionfi abbiamo cambiato nome perché quei loro successi non si sono più ripetuti o perchè i giocatori che sono seguiti ai trionfi fossero più scarsi.
    La fede e l'amore per una squadra è indipendente ai successi, alla categoria, al valore dei giocatori. Il tuo intervento é palesemente di parte anche se cerchi di camuffarlo con la nostalgia. Tu va pure a vedere la tua verde/nera Clodiense che noi stiamo bene con i nostri bei ricordi. FORZA SEMPRE E SOLO UNION C.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ben detto....FORZA SEMPRE E SOLO UNION C.S.

      Elimina
    2. Sembra che l' Union C.S. deve essere una parentesi esclusivamente di quella generazione che ha avuto fortuna di viverla... togliendo questa possibilità ai bambini e persone più giovani. Sembra un post abbastanza pubblicitario quello di prima in particolare dove si dice "Ma credo che questa Clodiense, bene o male, dovremmo tenercela stretta tutti." non imbroglia nessuno... C'è SOLO L' UNION C.S.!

      Elimina
  28. C' era ... l' UNION CS.
    Ora non c' è piu'.

    Ben dito.

    (by Rubagotti)

    RispondiElimina
  29. e andiamo avanti ancora con questo c'era l'UNION CS è adesso non c'è più...............per il momento vive nei cuori della gente e nei social network...... in attesa di tempi migliori. Io dico Forza Union e Forza Clodiense cosi passiamo un bel fine settimana tutti.

    RispondiElimina
  30. Forza Bar Italia, Forza "Portuali". 2 squadroni da tornei , e che tornei si vedevano.
    Potevano giocare a livelli di 1^ Categoria attuali, come provarono a fare i Portuali, chiamandosi S.Anna.
    Purtroppo la nostalgia di quei tempi, attanaglia non poco. Perdonate.
    Hai ragione comunque, a dire PASSIAMO UN BEL FINE SETTIMANA TUTTI.

    RispondiElimina